SE VADO A DONARE E MI SOSPENDONO?


Che cosa succede a chi si reca a donare e in fase di visite preliminari viene dichiarato inidoneo alla donazione?
La circolare n. 29 dell’Istituto Nazionale della Previdenza Sociale (INPS) illustra le modalità attraverso le quali il lavoratore dipendente del settore privato accede alla erogazione della retribuzione e dei contributi figurativi anche quando sia giudicato inidoneo alla donazione.
Sebbene la fattispecie della inidoneità fosse stata già prevista all’articolo 8 della legge 21 ottobre 2005 n. 219, si è comunque dovuto attendere il Decreto 18 novembre 2015 del Ministero della Salute, perché fossero definiti i casi e le modalità con cui il lavoratore dipendente potesse accedere, per le ore di assenza, alla erogazione della normale retribuzione e dei contributi figurativi (cioè di quella contribuzione fittizia che non è versata, né dal lavoratore né dal datore, ma che è posta a salvaguardia del lavoratore in casi di sospensione o temporanea interruzione del rapporto di lavoro in modo da non intaccare la propria copertura assicurativa ai fini pensionistici).
Nel dettaglio l’INPS rende noto che il lavoratore, che si è assentato dal lavoro per effettuare la donazione di sangue o di emocomponenti e viene giudicato inidoneo per:
a) sospensione o esclusione del donatore per motivi sanitari, secondo i criteri di esclusione o sospensione dalla donazione, previsti dalla normativa vigente;
b) mancata decorrenza dei tempi di sospensione, previsti dalla normativa vigente, tra una donazione e la successiva;
c) rilevata esigenza di non procedere al prelievo per specifico emocomponente e/o gruppo sanguigno, in base alla programmazione dei bisogni trasfusionali;
conserva il diritto alla retribuzione e al contributo figurativo (art. 2 DM 18-11-2015). Il calcolo del tempo è da riferire in buona sostanza alla sua assenza quindi al tempo di permanenza presso il centro trasfusionale o presso l’Unità di Raccolta (UdR), che ricordiamo devono essere certificati e accreditati, e al tempo di spostamento dallo stesso alla sede di servizio.

(Fonte: INPS)

Post popolari in questo blog

I DUBBI DEL DONATORE: COME COMPORTARSI LA MATTINA DELLA DONAZIONE

IL SANGUE IN AGOSTO VALE DOPPIO!

ALL'ADAS SCHIAFFINO IL PRIMO MEMORIAL "CRISTINA CERCHI"